“Occhio ai virus”

AL LANZA SI INAUGURA IL LABORATORIO DEDICATO ALLA PROFESSORESSA FRANCA DURANDO

Lunedì 17 dicembre, alle ore 11, sarà inaugurato al Lanza il rinnovato e potenziato laboratorio scientifico.

Alla presenza di autorità cittadine, docenti, allievi, amici e naturalmente della famiglia, il laboratorio sarà dedicato alla professoressa Franca Durando, docente e coordinatrice del Liceo Socio-psico-pedagogico, recentemente scomparsa dopo aver combattuto con tutte le sue forze e la sua tempra un male che non perdona.

La prof Durando, stimata e conosciuta in tutta la città anche per l’impegno nel sociale e in molteplici attività culturali, è stata amatissima insegnante di Scienze naturali proprio al plesso Lanza e, anche se da qualche anno aveva lasciato il servizio, non faceva mancare il suo supporto alle attività formative promosse dalla scuola in collaborazione con le associazioni di cui era membro attivo, in particolare AUSER e AFEVA.

Dotata di una grande empatia, unita a competenza e professionalità, aveva seguito per la scuola progetti che sono diventati pietre miliari per la costruzione di un’educazione moderna e inclusiva quali i gruppi di Peer education, in particolare il progetto “Donne violenza zero” premiato dal MIUR come “buona pratica”.

I familiari hanno dimostrato apprezzamento per l’iniziativa della scuola e hanno annunciato l’intenzione di dedicare alla memoria di Franca alcune borse di studio a favore di alunni del Liceo delle Scienze Umane che si siano distinti nello studio delle materie scientifiche e nell’impegno sociale.

Il laboratorio verrà inaugurato da un ospite d’eccezione, il prof. Giovanni Maga, biologo, direttore del laboratorio di Virologia Molecolare presso l’Istituto di Genetica Molecolare del CNR di Pavia e docente di Biologia Molecolare all’Università di Pavia con all’attivo oltre 250 pubblicazioni scientifiche e tre libri (Occhio ai Virus, Batteri spazzini e virus che curano, AIDS: la verità negata) rivolti invece a un pubblico generale.

 

Al termine della breve cerimonia il prof. Maga terrà una conferenza dal titolo “Dai virus alle biotecnologie”, inserita nel percorso di incontri per il ventennale del Liceo delle Scienze Umane.

Fare ricerca scientifica significa spaziare con lo sguardo della mente dall’estremamente piccolo all’infinitamente grande. Essere capaci di guardare la realtà con occhi speciali, in grado di cogliere regole e ordine al di sotto di un caos apparente. La curiosità è la molla che spinge lo scienziato a ricercare i meccanismi che presiedono ai fenomeni naturali e il rigore metodologico e lo spirito critico gli strumento con cui opera. Nella scienza non esistono dogmi o verità preconcette, ma solo connessioni tra cause ed effetti, riproducibili e verificabili, ordinate in quelle che sono le teorie scientifiche: non ipotesi soggettive, ma sistemi coerenti basati su dati sperimentali e soprattutto sempre rivedibili e migliorabili sulla base di nuove risultanze. L’ illustrazione dei tre momenti fondamentali della vita del ricercatore: osservare, sperimentare e dedurre, seguita da esempi concreti di scoperte e applicazioni delle scienze biologiche nel campo della medicina, dell’agricoltura, dell’industria, servirà a far comprendere ai ragazzi il valore del metodo scientifico come chiave interpretativa del mondo naturale e, allo stesso tempo, far comprendere loro la grande opportunità che la didattica della scienza offe loro. Le esperienze che affronteranno nel laboratorio didattico, sono infatti i primi passi fondamentali per acquisire rigore nel ragionamento e spirito critico.

per farsene un’idea….

Visite (118)